MondoManga.net

Ernest & Rebecca: Recensione del fumetto di Antonello Dalena e Guillaume Bianco

Arriva in Italia il fumetto di Antonello Dalena e Guillaume Bianco, ed oggi su gentile concessione di Edizioni Star Comics vogliamo condividere con voi la Recensione di Ernest & Rebecca, disponibile con i primi due volumi nelle fumetterie e librerie, anticipandovi che la serie è in corso.

 

Ernest & Rebecca Recensione

In Francia la serie ha ottenuto il successo sperato, sia grazie ad una trama convincente realizzata da Guillaume Bianco che alla caratterizzazione dei personaggi a cura di Antonello Dalena, fumettista noto per aver lavorato ad opere come Topolino.

200 mila le copie vendute, ciò ha convinto Edizioni Star Comics a italianizzare la serie portandola nel nostro territorio, ed oggi vogliamo parlarvi di questo simpatico fumetto i cui protagonisti sono una bimba di sei anni e mezzo di nome Rebecca e del suo migliore amico Ernest, un microbo! 

Il fumetto tratta argomenti reali come i continui litigi da parte dei suoi genitori alla creazione di un amico immaginario, un microbo la cui conoscenza è avvenuta a seguito della febbre scaturita da una giornata trascorsa all’aria aperta durante il temporale.

Ernest è la causa della febbre di Rebecca ma allo stesso tempo è il suo migliore amico, qualcuno con cui confidarsi e sfogarsi, cercando allo stesso tempo di riunire i genitori. Ernest è giocherellone, ha sempre voglia di scherzare ma allo stesso tempo è un microbo geloso che non permette a nessun’altra malattia di avvicinarsi alla bimba.

Rebecca è continuamente sotto il controllo del medico di famiglia e l’esistenza di Ernest viene interpretata dai genitori come il delirio della febbre, la quale Rebecca cercherà di mantenere per l’intera durata della storia, al fine di non perdere il suo migliore amico.

La Storia tratta argomenti attuali e reali e lo fa nel migliore dei modi, ironizzando sulle vicende e mettendo in risalto l’importanza di avere qualcuno accanto con il quale confidarsi, divertirsi e trascorrere il tempo.

Dopo aver introdotto il duo nel primo volume, il secondo sposta l’attenzione del lettore sulla decisione dei genitori di Rebecca di separarsi. La madre ha conosciuto un nuovo ragazzo, mentre il padre vive con suo zio in attesa di trovare un’abitazione, la sorella invece ha iniziato a frequentarsi con il ragazzo più gettonato della scuola, stando a quanto affermato dalle sue amiche.

Il secondo volume dunque porta Rebecca ad essere sballottolata di qua e di là, divisa tra il padre che vive con lo zio e la madre con il nuovo compagno. Ernest e Rebecca pensando inizialmente che si tratti di un potente virus, decideranno di allearsi per sconfiggerlo, Ernest sottoporrà Rebecca ad un’allenamento che la porterà costantamente a ritrovarsi all’aperto in pieno inverno con indumenti inadeguati.

Il secondo volume dunque ruota per lo più attorno a questa misteriosa figura che ha conquistato la madre, svelandosi poi al termine del racconto, il quale anticipa ciò che verrà narrato nel successivo volume, dove Rebecca verrà mandata con sua sorella in vacanza dal nonno soprannominato bestiaccia.

  • Trama
  • Disney
  • Personaggi
  • Ambientazione
4
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments