Mondo Manga e Anime

Digital Shaman Project: Un robot per superare il trauma del decesso dei propri cari

Non c’è sofferenza peggiore di quella di perdere un proprio caro, che sia un coniuge, un genitore o un amico. Per rendere la dipartita di un proprio caro meno dolorosa possibile, è stato ideato in Giappone il Digital Shaman Project, un robot con il volto del defunto con il quale conversare il tempo necessario per accettare la sua dipartita. 

Etsuko Ichihara annuncia il Digital Shaman Project

Quando la nonna di Etsuko Ichihara scomparve, quest’ultimo faticò ad accettare la sua dipartita, e per evitare la stessa sofferenza d altri ha ideato il Digital Shaman Project.  La persona defunta continua a vivere nel duplicato robot per un massimo di 49 giorni circa, il tempo necessario per permettere di accettare la dipartita del proprio caro.

Durante la vita del defunto vengono registrate le movenze, il modo di pensare e di agire, catturando la sua personalità e le conoscenze per immagazzinarle in un robot chiamato Digital Shaman.

Alla morte del caro il Digital Shaman entra in azione mostrando non solo il volto del defunto con una sorta di maschera 3D ma agendo in base alle informazioni ricevute.  Etsuko Ichihara ha dichiarato:

Se il robot funzionasse per sempre la gente lo userebbe per offrire una sorta di vita eterna ai propri cari, vanificando lo scopo del progetto, ossia quello di aiutare le persone ad accettare la scomparsa dei propri cari.

Nei prossimi mesi dovrebbe giungere sul mercato ad un costo non ancora definito.  A seguire il video dimostrativo:

Leave a Reply

avatar
  Subscribe  
Notificami