Mondo Manga e Anime

X-Men Gold #1 fa propaganda antisemita e Marvel interviene

Il primo volume del nuovo X-Men GOLD di Marc Guggenheim e Adrian Syaf è al centro di pesanti critiche dopo la scoperta di alcuni messaggi nascosti al suo interno riferiti esplicitamente al governatore dell’Indonesia “Basuki Purnama Tjahaja”, portando la Marvel ad intervenire sulla questione.

Gli X-Men non sono antisemita

Basuki è il primo leader non musulmano e di etnia cinese eletto in Indonesia, la fede religiosa del governatore ed alcune sue affermazioni hanno scatenato l’Islam Defenders Front accusandolo di blasfemia e dando vita ad una serie di manifestazioni contro la sua elezione, portando come riferimento il verso del Corano QS 5:51 dove viene esplicitamente detto di non seguire leader cristiani o ebrei.

L’artista indonesiano Adrian Syaf ha inserito in una scena la scritta jew ebratica in corrispondenza della testa della leader mutante intenta a tenere un discorso alla folla dopo aver salvato la città da un attacco di Drax il Distruttore. Nella medesima vignetta appare anche il numero 212 legato alle proteste di Jakarta. Ma la storia non finisce qui perchè in una partita di baseball dello Xavier Institute, sulla maglietta di Colosso compare il verso del corano. 

I riferimenti sono frutto del disegnatore a Marvel ha deciso di intervenire con il seguente comunicato stampa:

Prendiamo le distanze dalla linea politica espressa da Syaf, non eravamo di certo a conoscenza del significato di questi disegni che non riflettono in alcun modo le nostre opinioni o di qualsiasi altro faccia parte della casa editrice, inoltre tali affermazioni vanno contro ciò che gli X-Men hanno sempre rappresentato. Tali elementi verranno dunque cancellati nelle future stampe.

 

Leave a Reply

Be the First to Comment!

Notify of
avatar
wpDiscuz
/* ]]> */